Goletta dei Laghi di Legambiente


 
Goletta dei Laghi di Legambiente
presenta il primo dossier sui laghi della Sila e assegna le bandiere nere alle amministrazioni di
San Giovanni in Fiore, Cotronei e Pedace per la cattiva gestione del territorio
 
Legambiente: “Quale futuro vogliamo per il Parco Nazionale della Sila? Cattedrali nel deserto, grandi incompiute, mala depurazione e disordine urbanistico mettono a rischio un immenso patrimonio di natura e biodiversità. Necessario investire nell’ecoturismo per lo sviluppo del territorio”
 
Il Parco Nazionale della Sila un immenso patrimonio naturalistico da salvaguardare. A ribadirlo è Legambiente che, in occasione del primo passaggio in Calabria della Goletta dei Laghi, ha presentato         questa mattina il primo dossier sullo stato di salute dei laghi silani. Un bilancio non del tutto positivo dato che l’associazione ambientalista ha assegnato ben 3 bandiere nere alle amministrazioni comunali di San Giovanni in Fiore, Cotronei e Pedace per la cattiva gestione del territorio e per aver investito in opere che ad oggi risultano incompiute o incompatibili con una crescita equilibrata e nel rispetto dell’ambiente dell’area protetta.
 
Alla conferenza stampa hanno partecipato Francesco Falcone, Presidente di Legambiente Calabria; Sonia Ferrari, Presidente del Parco nazionale della Sila; Antonio Nicoletti, Responsabilearee protette e biodiversità di Legambiente e Federica Barbera, portavoce della Goletta dei Laghi.
 
Cattedrali nel deserto, grandi opere incompiute, abusi edilizi, disordine urbanistico e mala depurazione rappresentano le maggiori minacce per il Parco Nazionale della Sila.
San Giovanni in Fiore e Pedace ricevono la bandiera nera per il progetto degli impianti di risalita di Lorica che, invece di fermarsi all’ammodernamento della vecchia cestovia, punta all’ampliamento dell’impiantistica con la realizzazione di altri tracciati la cui realizzazione comporterebbe un forte impatto ambientale e metterebbe a rischio le già compromesse cime del Monte Botte Donato.
A Crotonei il poco ambito riconoscimento viene consegnato per i lavori di ampliamento dell’aviosuperficie in località Trepidò che hanno causato caos e per il disordine urbanistico del compensorio turistico di Villaggio Palumbo, per non aver voluto rientrare nell’area protetta del Parco Nazionale della Sila.
 
“Con la legge sull’Opera di valorizzazione della Sila abbiamo assistito a massicci interventi a sostegno dello sviluppo e della crescita di quest’area – commenta Francesco Falcone, presidente di Legambiente Calabria-; opere che, però, non sempre hanno significato rispetto dell’ambiente e prospettiva di sviluppo del territorio. Molte amministrazioni hanno approfittato degli investimenti in Sila per costruire infrastrutture sovradimensionate alle reali necessità e che oggi rappresentano autentiche cattedrali nel deserto o addirittura risultano incompiute. Siamo convinti che questo territorio abbia bisogno di altro per continuare a crescere e dare reali prospettive di sviluppo anche a chi lo abita e ai turisti. L’ecoturismo rappresenta il vero investimento da fare in quest’area che sta già investendo fortemente nella green economy, nella valorizzazione delle tipicità locali e nella qualità del territorio”.
 
In occasione dell’incontro, gli ambientalisti hanno anche consegnato una targa di riconoscimento al presidente del Parco Nazionale della Sila, Sonia Ferrari, per l’ottimo lavoro svolto in questi anni dall’ente parco.
 
“In questi dieci anni di attività riconosciamo il valore aggiunto portato dal lavoro del Parco Nazionale della Sila – aggiunge Antonio Nicoletti, responsabile aree protette e biodiversità di Legambiente -. I forti investimenti nell’innovazione attraverso gli incentivi per l’installazione delle rinnovabili all’interno del parco, la conservazione della biodiversità, la valorizzazione della cultura silana e l’allargamento della fruibilità anche ai diversamente abili, rappresentano le buone pratiche di cui questo territorio ha bisogno e che il Parco ha stimolato. Quest’area oggi, grazie alle iniziative promosse dal Parco e alla sua presenza, è un pezzo di territorio più forte e più competitivo, oltre che essere meta sempre più richiesta dai turisti che amano immergersi nella natura e nella biodiversità”.
 
Negli ultimi anni il turismo-natura ha conosciuto una grande diffusione ed è costantemente in crescita, anche a dimostrazione del buon lavoro di promozione, valorizzazione e tutela svolto dai parchi nazionali. Il Parco rappresenta quindi una forte opportunità per l’iniziativa imprenditoriale e quindi per l’occupazione dei settori attivati, direttamente o in maniera indotta, dall’investimento nel turismo.
 
L’impegno di Legambiente per la promozione dei laghi è forte anche grazie alla campagna Goletta dei Laghi, realizzata con il contributo del COOU (Consorzio Obbligatorio Oli Usati), che da sette anni viaggi in Italia per accendere i riflettori sulle minacce e le potenzialità dei bacini lacustri.
 
 
I progetti a bordo di Goletta dei Laghi
 
Sos Goletta
È il servizio messo a disposizione dei cittadini per segnalare tubature che scaricano in mare, o nei laghi, liquidi o sostanze sospette in acqua, tratti di mare o di lago dal colore e dall’odore sgradevoli. Per fare una segnalazione basta inviare una breve descrizione della situazione, l’indirizzo e le indicazioni utili per individuare il punto, le foto dello scarico o dell’area inquinata e un recapito telefonico. Gli SOS si possono inviare via mail, all’indirizzo sosgoletta@legambiente.it o tramite sms e mms al numero 346.007.4114
 
Living Lakes
Promuovere la protezione e lo sviluppo degli habitat naturali, salvaguardare la loro varia flora e fauna, aumentare la conoscenza e il livello di sensibilità nei confronti degli ecosistemi delle aree lacustri e sviluppare in modo sostenibile il turismo e le economie locali. Questi gli obiettivi della rete italiana di Living Lakes, presieduta da Legambiente, che comprende ad oggi 3 associazioni e 10 tra i maggiori laghi italiani. Living Lakes e Goletta dei Laghi viaggeranno insieme per promuovere iniziative ed eventi mirati a diffondere e valorizzare sempre di più la tutela del nostro patrimonio lacustre. http://www.livinglakesitalia.it/
 
Sostieni la Goletta dei Laghi!
Da quest’anno hai la possibilità anche tu di diventare supporter della campagna acquistando la t-shirt ufficiale dell’equipaggio. La puoi trovare durante le iniziative della Goletta dei laghi o direttamente online al bazar di legambiente
 
 
Segui il viaggio della Goletta dei Laghi sul sito www.legambiente.it
E su facebook/goletta dei laghi
 
Ufficio stampa Goletta dei Laghi:
Francesca Pulcini 347 4107221

stampa.golettadeilaghi@legambiente.it