Comunicato Stampa - Festa dell'Albero


 

 Su un cammino che dura ormai da 16 anni, tracciato da Legambiente Nazionale, che ogni 21 novembre, organizza la festa dell’albero, anche il circolo Sila di San Giovanni in Fiore, attraverso i giovani volontari non sono mancati al consueto appuntamento della piantumazione di alberi, insieme ai ragazzi delle scuole cittadine. E domenica mattina, 21 novembre infatti, non perdendo questa occasione, un cospicuo gruppo di piccoli atleti della scuola calcio florense la “Real Silana”, si sono ritrovati al campo sportivo “Gaetano Scirea “ in località Saltante, e pieni di allegria hanno contribuito alla messa a dimora di 20 alberi ad alto fusto, tra cui abeti bianchi, pini silani e cipressi, lungo i margini dell’area sportiva.E’ stata sorprendente la massiccia partecipazione dei circa 100 bambini che, dopo le faticose attività sportive, accompagnati dallo staff del circolo sportivo e da tanti genitori, hanno avuto la pazienza e l’entusiasmo di dedicarsi ad una giornata così speciale per aiutare il pianeta.
Con un grande lavoro di squadra i piccoli calciatori ripartiti in gruppi, hanno scelto una piantina, gli hanno assegnato un nome e hanno promesso di prendersene cura assistendola ed alimentandola. All’iniziativa svolta con successo, hanno inoltre partecipato gli alunni della scuola media Guglielmo Marconi, che nella mattinata di sabato 20 hanno messo a dimora altre 6 piantine nel cortile della loro scuola, e il Centro di aggregazione sociale “Raggio di Sole”, i cui membri, con l’ausilio di alcuni volontari di Legambiente, hanno provveduto alla piantumazione di altre 10 piante intorno alla struttura situata nel quartiere Olivaro.
Anche quest’anno la festa dell’albero è andata a buon fine, grazie soprattutto al contributo concreto dell’ Agenzia Regionale dell’ AFOR che ha autorizzato un numero consistente di piantine, provenienti dal Vivaio di Fagnano Castello, ed un ulteriore numero di piantine concesse dal Corpo Forestale con la collaborazione dell’Ufficio della biodiversità di Cosenza e del vivaio del Centro Visite del Cupole. Tre importanti progetti di adozione di nuove aree verdi nel comune di San Giovanni in Fiore si concretizzano.
Tante sinergie utili e necessarie per contribuire insieme a compensare le emissioni di anidride carbonica e regalare al nostro territorio e al Pianeta più aria pulita. Anche quest’anno siamo stati fortunati, grazie ad una mattinata conclusasi con il tepore dei raggi di una bellissima giornata di sole autunnale.
Nonostante tutto abbiamo dovuto esprimere, durante la presentazione dell’iniziativa, il nostro disappunto e rammarico sul fatto che mentre tanti di noi mettono a dimora le piantine, a San Giovanni in Fiore le piante e gli alberi presenti nel centro urbano vengono continuamente deturpate ed eliminate. Il giorno precedente infatti, in pieno centro cittadino e in pieno giorno, alla presenza di cittadini che circolavano regolarmente e sotto la regia di un filmato, presente peraltro su YouTube testimonianza della presa in diretta dell’accaduto, è stato abbattuto abusivamente un grande abete di quasi mezzo secolo, nell’incuria e nell’indifferenza generale.
Se qualche cittadino di buon senso è intervenuto, sollecitando la presenza degli organi competenti, ma nessuno di questi si è fatto vivo, dobbiamo constatare ulteriormente la poca sensibilità da parte delle istituzioni. L’amministrazione comunale di San Giovanni in Fiore, che da una parte promuove l’idea progetto “Adotta un’aiuola”, dall’altra “consente la condanna a morte” di una pianta in città, contraddicendo il buon lavoro prima promosso.
Ci aspettiamo una posizione esemplare da parte degli amministratori comunali, perché il libero arbitrio, in dispregio delle più elementari regole della civiltà è di cattivo gusto e la città intera non può esserne danneggiata.
Legambiente Sila